AQUADRO

 

Titolo originale: Aquadro

Regia di: Stefano Lodivichi

Cast: Ilaria Giachi, Maria Vittoria Barrella, Lorenzo Colombi, Gaia Igini

Sceneggiatura: Davide Orsini, Stefano Lodovichi

Fotografia: Benjamin Maier

Montaggio: Roberto Di Tanna (A.M.C.)

Scenografia: Daniele Frabetti

Costumi: Ginevra De Carolis

Musica: Klaus Leitner, Irene Hopfgartner, Ivo Forer

Produzione: Mood Film, Rai Cinema, con il sostegno di BLS Südtirol – Alto Adige Film Fund & Commission

Distribuzione: Cubovision (IT)

Paese: Italia

Anno: 2013

Durata: 96’

Premi e Festival:

RIFF – Roma Independent Film Festival 2013: Concorso Lungometraggi – Miglior Lungometraggio Italiano

Non tutte le storie d’amore sono uguali. Quella di Amanda e Alberto, due studenti sedicenni di un liceo artistico di Bolzano, inizia in gita e corre veloce. Alimentata da videochiamate e messaggini, riempie di calore e nuove emozioni una quotidianità fatta di lezioni e allenamenti di hockey. Dietro un’apparente normalità Alberto però nasconde una passione per il mondo del porno amatoriale su web, un mondo fatto di chat erotiche, video e discussioni su forum. Quando Amanda lo scopre per non perderlo comincia a lasciarsi filmare in situazioni sempre più intime, fino a farsi riprendere mentre fanno l’amore per la prima volta. Quel video, che dovrebbe rimanere il loro segreto, finisce invece su internet e diventa pubblico. La loro intimità è così violata e sporcata dallo sguardo di tutti e si innesca una reazione a catena che mette a dura prova il loro amore.

STEFANO LODOVICHI

Stefano Lodovichi vive a Berlino dal 2014. Dopo la laurea in Critica Cinematografica, e dopo aver lavorato come assistente alla regia in numerose occasioni, ha iniziato a lavorare come regista e sceneggiatore. Nel 2013 ha scritto e diretto il suo primo lungometraggio Aquadro. Ha diretto alcuni commercials (McDonald’s, ecc.) e alcuni video clip musicali. Nel 2011 ha diretto il cortometraggio documentario Figli di Dio, e uno degli episodi del film collettivo Il Pranzo di Natale, presentato in anteprima nel 2011 al Roma International Film Festival.